CORSI di YOGA e MEDITAZIONE

ACCADEMIA SAMAVAYA

Percorsi evolutivi e formativi

Significato di yoga

Lo Yoga è un metodo di pratiche fisiche, respiratorie e mentali che contribuiscono al benessere personale in modo naturale, graduale, adatto a tutti. Uno strumento per la realizzazione interiore, per il raggiungimento di una migliore condizione di vita.

Yoga è un termine formato da due parole “Yo” e “ghan”; Yo significa unione e ghan completezza. Possiamo definire lo yoga come la via che, attraverso l’unione (dell’individuale con l’universale), porta al completamento (dell’essere). Un modo di definire lo yoga è questo: Samatvam yoga ucyate, l’equilibrio è yoga. Samatvam significa mantenere l’equilibrio; questo rimanere in equilibrio può essere inteso come yoga.

Un’altra definizione è questa: yoga samadhih = Lo yoga è equilibrio. Partiamo dal concetto di equilibrio, ci fermiamo, ci sediamo tranquilli, ci mettiamo in contatto con noi stessi e ci chiediamo se c’è qualcosa che disturba il nostro stato.

Questo equilibrio viene alterato può essere alterato sia per situazioni esterne, sia per situazioni interiori; può anche succedere che l’equilibrio si perda definitivamente.

Come si instaura uno stato di squilibrio o di malessere? Se sperimentiamo uno stato di disturbo o di disagio allora lo yoga ci può aiutare a trovare un nuovo tipo di connessione o di unione armonica con il proprio essere. Se usiamo il corpo in modo sbilanciato o eccediamo nell’uso della nostre funzioni mentali (ad es. razionali e volontarie) è necessario praticare yoga per ritornare a una percezione nuovamente integrata di se stessi.

Lo yoga sutra di Patanjali, il più importante e autorevole testo sullo yoga esistente, ci indica quali sono le cause che ci portano verso la sofferenza, come ritornare in equilibrio, quali sono gli ostacoli che ci impediscono questo ritorno Il secondo sutra del primo capitolo è la perfetta sintesi di cosa sia lo yoga e quale possa essere il suo obiettivo: Yogas citta vritti nirodhaha (PYS I.2)

Citta Vrtti è il comportamento della nostra stessa coscienza.

Nirodha è l’arresto completo delle ordinarie funzioni cognitive

Nirodha è anche lasciar scorrere, uno stato non identificato con le abituali funzioni della coscienza

La parola significa “Unire”. Nello Yoga si deve quindi realizzare l’azione del connettere. L’unione presuppone però un distacco: mi unisco a una cosa ma mi devo liberare da qualcos’altro. “Sapere a cosa siamo uniti o da cosa distaccarci questo è il sentiero dello Yoga (dott. M.V. Bhole)”.
Nello Yoga possiamo distinguere sostanzialmente due vie che si fondono e si intrecciano una nell’altra: la via del discernimento e della discriminazione, vivekaja marga (via che discende dalla tradizione vedica), e la via dell’unione e dell’integrazione, Yogaja marga (via del tantrismo).

significato-di-yogaCi siamo mai chiesti quanto possiamo andare in là nei riguardi delle unioni interiori e quanto può essere profonda la connessione con noi stessi?

Cominciamo a pensare allo Yoga in quanto unione con noi stessi. Innanzitutto chiediamoci perché è importante stabilire questa unione e quali potrebbero essere i modi per unirsi al proprio essere.

Lo yoga è una pratica impostata su concetti che devono essere direttamente sperimentati dall’allievo in quanto solo l’esperienza diretta ci mette in grado di comprendere chi siamo e come trovare un equilibrio all’interno del nostra essere. Grazie all’ascolto del proprio essere possiamo accorgerci che i disturbi provengono dalla sfera fisica, emotiva o mentale…

Per questo ci si rivolge allo yoga per i motivi più disparati e si cercano nello yoga diversi tipi di esperienze. Come definire lo yoga? È una filosofia, una religione, una ginnastica? Lo yoga ci mostrar l’uomo da diversi punti di vista, abbraccia l’uomo nella sua totalità.

È una filosofia perché emerge da testi filosofici della tradizione indiana (Veda, Upanisad, Vedanda, Samkhya). È una filosofia perché nella tradizione del Samkhya-Yoga viene detto che il solo modo per uscire da uno stato di sofferenza è quello di adottare un particolare atteggiamento “filosofico”, cioè esistenziale, nei confronti della vita e dell’esistenza.

Lo yoga è una psicologia, forse il più antico sistema psicologico (primi secoli D.C.) perchè in uno dei più importanti testi di riferimento si parla dallo yoga come di uno stato mentale e di come essere propositivi nei confronti del proprio stato mentale e pronti a correggere tutti i comportamenti, le abitudini e l’educazione che può averci portato in uno stato alterato, in uno stato di contrazione della coscienza, di sofferenza interiore (Yoga Sutra di Patanjali).

Lo yoga è una pratica fisica perché una delle sue tradizioni, quella tantrica pone l’accento, attraverso l’hata yoga, alla salute del corpo fisico attraverso una serie di pratiche purificatorie, fisiche (asana) e respiratorie (pranayama).

Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.